Basilicata

basilicata

La Basilicata è una regione ancora poco conosciuta dal grande pubblico e poco pubblicizzata nelle rotte del turismo tradizionale, eppure possiede numerosi siti di forte rilievo storico e diversi Patrimoni dell’Umanità Unesco come i Sassi di Matera, uno straordinario ecosistema urbano tramandatosi da un passato preistorico.

Mare cristallino e distese di sabbia dorata impreziosiscono questa terra dove il sole batte tutto l’anno e bellissimi borghi arroccati sulle colline accompagnano il turista lungo le passerelle fino al litorale.
Un territorio, quello lucano, che offre numerose e suggestive coste: Scansano Ionico, Metaponto, Policoro, Marina di Pisticci, Nova Siri e Rotondella.

La Lucania, così come le confinanti regioni Puglia e Calabria, si affaccia sia sul Mar Ionio che sul Tirreno, i fondali bassi e digradanti rendono questa oasi di verde e mare particolarmente adatta ai bambini, mentre il clima mite e le lunghe stagioni estive regalano la possibilità di godere del suo fantastico mare per tanti mesi.

Gli amanti dello sport trovano in Basilicata un paradiso naturale dove potersi dedicare alle attività più disparate, dal surf alla vela col supporto di skipper qualificati, dal diving all’equitazione.

A Metaponto si trova un bellissimo parco divertimento, l’Acqua Park Acquazzurra dove passare una giornata all’insegna del divertimento e del relax.

In Basilicata si trova la più estesa area protetta di nuova istituzione su territorio italiano, il Parco Nazionale del Pollino. Nato nel 1993, lungo il massiccio montuoso calabro-lucano del Pollino e dell’Orsomarso, dove l’uomo e una natura selvaggia hanno convissuto per millenni, propone alcune delle più affascinanti mete turistiche, come il castello di Isabella Morra di Valsinni a Favale, piccolo villaggio asserragliato su uno sperone di roccia, sulle rive del Sinni, circondato dal Pollino e vicino al mare Ionio.
Queste mura furono testimoni fin dalla nascita nel 1520 della tragica vicenda di Isabella Morra, la giovane poetessa petrarchista del Rinascimento, a cui è ancor oggi dedicato un parco letterario, promotore durante l’estate di raffinati eventi culturali.

Interessantissime tappe sono anche le tre aree archeologiche di Chiaromonte, risalenti al periodo pre-ellenistico ed ellenistico ed il Santuario del Pollino, in posizione panoramica su tutta la valle del Frido.

L’Ente Parco organizza percorsi di trekking di più giorni, escursioni con partenza in mattinata e rientro in serata, attività di educazione ambientale e di turismo naturalistico.

Arrampicata, passaggi sospesi, ponti tibetani e tanto altro sono invece le attrazioni del primo Parco Avventura sulla montagna lucana, dove è possibile trascorrere una intera giornata all’aria aperta tra fitness, escursioni, pic nic e ovviamente arrampicandosi sugli alberi di una foresta incantata.

La Basilicata ionica raccoglie tantissime testimonianze di una cultura antica e raffinatissima, ancora rintracciabili nel Parco Archeologico di Policoro e nel suo Museo della Siritide, che ricostruisce le fasi degli insediamenti umani stratificatisi nel corso dei millenni, dal neolitico fino alla romanizzazione della Magna Grecia, accompagnando il visitatore in un viaggio nel tempo, attraverso gli antichi splendori di Siris, dalle cui rovine sorse Heracleia, l’attuale Policoro.
Proseguendo poi per Metaponto, fondata nel 630 a.C dagli Achei, distruttori di Troia. Fu proprio in questa città che terminò i suoi giorni il matematico Pitagora, ed è qui che è ancora possibile ammirare le famosissime Tavole Palatine, i resti di un tempio dorico periptero esastilo del VI secolo a.C. situato in prossimità del Bradano e dedicato ad Hera, sorella e moglie di Zeus.

Tra escursioni, storia e mare, la Basilicata è indubbiamente una tappa fondamentale per chiunque desiderasse avventurarsi lungo i tragitti più variegati e incantevoli di una Italia mai scontata ed ancora troppo misteriosa per i suoi stessi abitanti.