Lombardia

lombardia

La Lombardia è una delle regioni italiane più estese e detiene l’indiscusso primato di regione più popolosa dello stivale.

Al confine con la Svizzera questa terra, delimitata a nord dalla catena alpina e a sud dalla vasta distesa della Pianura Padana vede profilarsi una ricca gamma di paesaggi, che spaziano dalle montagne attrezzate con moderni impianti sciistici, come avviene nelle località di Livigno, Tonale, Bormio e Madesio, alle colline di origine morenica della Franciacorta, famose per la produzione vinicola e per il metodo classico di vinificazione, ossia quella rifermentazione in bottiglia specifica per le bollicine, già usata con grande successo nella regione francese dello Champagne; per terminare nella pianura, venata dai meandri del Po e dei suoi affluenti: l’Adda, il Ticino, il Mincio e l’Oglio.

In Lombardia si concentra il 40% della superficie lacustre dell’intero paese, che diventa circa il 60% in termini di volume, parliamo insomma di un importante giacimento idrico rilevante non solo da un punto di vista naturalistico e paesaggistico, ma anche per il consumo umano e per il turismo.
I quattro maggiori laghi regionali sono: il Lago di Garda, il Lago Maggiore, il Lago di Como e il Lago di Iseo. Scenari stupendi che fanno da sfondo ad antichi borghi, ville nobiliari, monasteri, castelli e suggestivi paesi ricchi di arte e storia.

Infine la Lombardia conclude la sua corsa verso sud abbracciando le pianure sterminate della Padana, con gli specchi d’acqua delle risaie, la cultura delle mondine e quel folclore popolare legato al duro lavoro della campagna.

Tanti gli itinerari che accompagnano il visitatore alla scoperta degli straordinari tesori artistici lombardi: Mantova con il bellissimo Palazzo Te, villa dei Gonzaga e capolavoro indiscusso dell’arte rinascimentale; attraverso i Sacri Monti di Varese e Ossuccio tra laghi, montagne e boschi; sulla tratta ferroviaria retica Albula/Bernina che ripercorre su moderni treni elettrici l’originario tracciato dei vecchi treni a vapore fino all’Alta Engadina; le preistoriche pitture rupestri della Valcamonica; il villaggio di Crespi d’Adda, classificato dall’Unesco come uno degli esempi meglio conservati di villaggi operai del secolo della rivoluzione industriale.
E come dimenticare le tante attrattive della città meneghina? Il Duomo, il Castello Sforzesco, il Teatro della Scala, la Pinacoteca di Brera, la Galleria d’Arte Moderna, l’ex-refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie dove si conserva l’Ultima cena di Leonardo da Vinci
E poi di seguito Brescia, Cremona, Pavia, Varese, Sondrio, Lecco, Bergamo, Lodi, Como e le tante altre città d’arte che custodiscono un patrimonio incredibile e preziosissimo.

Gli appassionati della montagna possono raggiungere i comprensori sciistici della Valtellina e della Valcamonica, dedicarsi a sport più estremi come l’arrampicata ed il rafting o ad attività più tranquille come la mountainbike e il trekking.

Le Terme di Boario e quelle di Bormio si sono invece specializzate nel benessere e nella cura del corpo sfruttando le proprietà benefiche e curative di antiche e rinomate sorgenti termali.

Tra Valtellina, Lodigiano e Oltrepò Pavese è possibile avventurarsi lungo le Strade del Vino, fino a tuffarsi tra le bollicine della Franciacorta.

Pur non essendo il settore turistico l’area prevalente all’interno del sistema economico lombardo, tuttavia questa regione vede affacciarsi numerosi turisti durante l’intero anno, possedendo in effetti una gamma di proposte quanto mai varie ed interessanti per ogni tipologia di pubblico, dall’appassionato di arte, agli amanti dello shopping, allo sportivo ed al naturalista.

Alberghi e hotel, garantiscono professionalità ed efficienza, dalla piccola pensioncina ad una stella fino al cinque stelle, tante le strutture cui affidarsi per un soggiorno all’altezza delle aspettative, che sia sulle montagne della Valtellina o in Via Montenapoleone, negli Hotel Bormio  o negli hotel Livigno.